Chi sono

Chi mi conosce bene mi descrive come una gran lavoratrice, testarda, coerente con i propri ideali. Io ci aggiungerei anche “appassionata”. Della vita, in primo luogo, e degli splendidi incontri che ho avuto la fortuna di trovare sulla mia strada. Ma appassionata anche della politica, anzi della Politica con la P maiuscola, in cui ritrovo tutto quello per cui valga la pena impegnarsi: l’amore per la mia terra, il Trentino, così bello e così ricco di potenzialità, molte delle quali ancora inespresse; e l’amore per la gente, per chi è già cittadino della nostra comunità e per chi ha il sogno e il diritto di diventarlo.

Tutto questo mi ha portato, dopo il diploma magistrale, a lavorare per otto anni nel privato, specializzandomi in gestione del bilancio e controllo di gestione. Nel 1986 ho vinto il concorso per addetto al controllo di gestione dell’allora Istituto Trentino di Cultura (oggi Fondazione Bruno Kessler). Qui mi sono dedicata al bilancio e al controllo di gestione dei progetti di ricerca, per poi essere inserita nello staff di Presidenza come supporto all’elaborazione delle strategie di Istituto.

Ho deciso poi di dedicarmi alla politica. Dal 1999 al 2005 sono stata Consigliera comunale a Trento, con ruolo di capogruppo e poi di Presidente della Commissione di vigilanza. Nel maggio del 2005 sono stata chiamata in Giunta comunale in qualità di Assessora alla Cultura, Turismo, Politiche giovanili e Cooperazione internazionale.

Dall’ottobre del 2013 sono Consigliera provinciale, con gli incarichi di componente della Conferenza dei presidenti delle commissioni e di Presidente della Quinta Commissione permanente.